Bellezza selvaggia

Bellezza selvaggia

Cugine, tutte donne con il dono di avere i fiori fra le mani: sono le Nomeolvides, e grazie al loro tocco sbocciano i fiori più belli nel giardino della Pradera, il luogo in cui vivono e che le tiene legate a sè. Se si allontanano da quella terra, infatti, muoiono lentamente. 

Ma lì incombe un’altra maledizione: se si innamorano, i loro amanti svaniscono nel nulla. È successo per le loro madri e per le loro nonne e per le bisnonne ma…se le ragazze amassero una donna? E se offrissero alla Pradera ciò che hanno di più caro per paura di vederla svanire nel nulla?

Il libro è particolare, non di semplice lettura. Tanti nomi, storie, uno strano passato…non mi ha convinto del tutto ?

Penna:⭐️⭐️
Storia:⭐️⭐️
Empatia:⭐️⭐️⭐️